la festa di Macondo…

macondo2010ccon stoppiglia

 

dall’invito alla festa di Macondo, di Giuseppe Stoppiglia

«… Esistono per te come per me…
Il sole, la luna, le stelle, le pietre delle case piene di storie meravigliose,
la vita che brulica sulle sponde di un fosso a primavera,
la rugiada che brilla sulle foglie verdi, i colori delle stagioni,
il cielo nel quale naviga la fantasia…».
Giovannino Guareschi

«È il confronto, l’accettazione dell’altro
che permette la lettura di sé».
Paul Ricœur

la festa di Macondo è un luogo dell’anima, un luogo di parole, un luogo di abbracci… un luogo che Giuseppe Stoppiglia mi regala da anni, ogni anno alla fine di Maggio.
è il primo luogo che mi ha insegnato la parola socializzare, la parola aggregarsi come stare assieme, la parola valorizzare come dare valore alle parole, alle persone, ai luoghi, alle culture…
sono entrata a far parte di Macondo, a sentirmi a casa a Macondo con la naturalezza di chi sa che quello è un posto giusto, e gli occhi e i sorrisi che incontro sono occhi e sorrisi che mi sono familiari… molti ricordi…
i miei bambini non hanno perso una festa di Macondo, dalla mia pancia in poi, con i banchetti de La Formichina e senza.
nella mia casa ho ospitato persone sconosciute, ne sono usciti come amici, spero di rivederli anche quest’anno a Macondo…
anche quest’anno non arriverà l’estate senza che io sia passata da ….MACONDO!!!

macondo2010d