Un luogo di tranquillo deposito di sé… 

“UN AMICO E’ UN LUOGO DI TRANQUILLO DEPOSITO DI SE'” (Rossana Rossanda)

La gratuità dell’amicizia – come dice Rossanda- sta nel dare senza togliere, nel lasciare che uno si ponga di fronte all’altro per quello che è, senza infingimenti, senza ricatti silenziosi o aspettative nascoste. Dove non c’è aggrappamento, indispensabilità reciproca, non c’è tentazione di fuga né ansia di possesso. L’amico si incontra senza risentimento per la lunga assenza, e dal silenzio che è calato in mezzo il discorso riprende come se non fosse mai stato interrotto. Difficile darne una definizione più precisa e suggestiva: “un tranquillo deposito di sé”.
Aggiungo: c’è da sperare che un giorno si possa dire lo stesso dell’amore.

Parole d’amore e d’amicizia… Mary e Ila 

Sento ancora la loro presenza nella mia casa, come un profumo di cose buone, come una musica in sottofondo, come un pensiero gentile … E anche senza le foto che abbiamo fatto come bambine … Ho nella memoria tutte le immagini e le risate di questi giorni . Dovrei raccontare tanto di me, per spiegare cosa é stata questa esperienza. Dovrei raccontare cose che un giorno forse scriverò, per spiegare quanto importante per me sia stato questo regalo che Mary e Ila mi hanno fatto. E sono sempre più convinta che la scriverò questa storia. 

amicizia 

E queste parole sull’#amicizia le imparerò a memoria e le penserò quando vorrò pensare a cos’è un’amicizia, a cosa sono state alcune amicizie, a cosa saranno altre, a cosa sono quelle che mi legano adesso… L’ho sempre pensato anche io che
l’amicizia é una forma d’amore… 
“A volte si vive per anni con degli amici, è un’occasione rara. Altri amici vanno e vengono a seconda delle loro occupazioni o noi delle nostre. Alcuni stanno con noi mesi, giorni o solamente poche ore, ma ogni amicizia è una conquista durevole.

Credo del resto che l’amicizia, come l’amore, del quale ha un pò la stessa natura, possa paragonarsi a una figura di danza ben riuscita, ci vogliono molto slancio e molto controllo, molta energia e tanta delicatezza, molte parole e molti silenzi e soprattutto molto rispetto.

Marguerite Yourcenar”